Recensione. La ragazza scomparsa di Angela Marsons

Conquistata. Angela Marsons è diventata ormai una tra le mie scrittrici preferite, salita a pieni voti sul podio insieme a un altro paio di nomi, ma la mia lista comprende una classifica di dieci nomi per poi proseguire con altri scrittori che per generi e motivi differenti rientrano nella mia cerchia di scrittori che meritano attenzione con le loro opere.

Mi piace spaziare e dare voce anche a nomi che non conosco, è stato così anche con questa autrice Angela Marsons conosciuta per caso qualche anno fa. Un suo libro era esposto in vetrina, mi aggiravo in libreria alla ricerca di un libro da regalare e con il suo Linea di sangue sono rimasta coinvolta da Kim Stone e dalla squadra investiga che gira intorno alla sua vita. Comprai la copia cartacea da regalare e per me presi la versione ebook, ma gli altri libri li ho voluti tutti in cartaceo.

Siamo nel genere del thriller, di quello che ti rapisce, ti cattura e ti lancia in una corsa con il fiato corto fino alla fine del romanzo, alla scoperta delle verità nascoste per scoprire l’epilogo finale della storia.

La ragazza scomparsa racconta il sequestro di due bambine di nove anni, le famiglie sono amiche, come anche le stesse vittime del sequestro. Hanno la stessa età e sono inseparabili nella vita di tutti i giorni, purtroppo lo diventano anche nel macabro gioco di un gruppo sadico di delinquenti che sperano di arricchire le loro tasche intascando il riscatto per la loro liberazione.

Il piano criminale è aberrante e inquietante, i rapitori sono un modesto gruppo mal assortito di complici con caratteristiche differenti, Kim Stone inizia una corsa contro il tempo, ha compreso la mente diabolica dei rapitori e sa che non hanno nessuna intenzione di liberare le bambine. Il loro è solo un gioco al rialzo del prezzo, mettendo le due famiglie una contro l’altra, solo una di queste potrà abbracciare la loro bambina, solo la famiglia che sarà riuscita a pagare la cifra più alta. Iniziano gli sguardi diffidenti, le voci nascoste e i messaggi segreti delle famiglie. I sussurri e le confidenze diventano armi nelle mani dell’una e poi dell’altra coppia che gioca ogni carta nel tentativo di riuscire a salvare le bambine.

Il romanzo è un continuo incalzare di rincorse, eventi, scontri verbali e fisici, con l’ansia delle lancette dell’orologio che scorrono veloci. In passato un’altra coppia di bambine era stata sequestrata con lo stesso macabro gioco, sei mesi addietro la data dell’attuale rapimento, altre due amiche sono state strappate dall’amore dei loro genitori e, purtroppo, solo una di loro è stata rilasciata.

Kim deve ripercorrere quelle indagini che all’epoca erano state affidate a un’altra squadra investigativa, riuscire a scoprire cosa è andato storto quella volta non è facile e il detective sa che in quelle vicende c’è racchiuso il tassello utile per salvare le prede.

I colpi di scena incalzano la trama, arricchiscono la lettura, quest’autrice ha inventano un personaggio fantastico, che con il suo passato turbolento riesce a regalare emozioni e a dare speranza. Kim Stone ha sofferto e si trascina nella vita di tutti i giorni nascondendo i demoni di un passato che hanno forgiato la sua vita. Per lei esiste il suo lavoro, catturare i colpevoli e dare giustizia alle vittime e, in questo caso, permettere alle bambine di ritornare a casa dai loro genitori.

Ho registrato anche una video recensione che potete vedere e ascoltare nel mio canale YouTube qui, insieme alla presentazione delle letture che mi accompagneranno nel mese di marzo 2021.

Un thriller che merita di essere letto, adoro questa scrittrice e le vicende di Kim Stone, già l’ho detto e lo avrete capito, ma quando un’autrice merita e mi emoziona non smetto mai di parlarne.

Grazie per essere stati in mia compagnia e aver visitato il mio blog. Se conoscete questa scrittrice e avete letto qualche suo libro, fatemelo sapere nei commenti e, se avete dei consigli, lasciate un commento, mi piace lo scambio di opinioni.

Ciao e alla prossima.

Tiziana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...