Recensione. Vacanze di Natale di Marialuisa Moro

Quando arriva il Natale le famiglie si riuniscono, anche quelle più complicate e difficili da trattare, alla fine nonostante gli asti e le discussioni questa ricorrenza religiosa unisce un po’ tutti. Questo accade quasi sempre, tutto fa credere che sia possibile anche nella famiglia tortuosa narrata dalla scrittrice Marialuisa Moro, ma quando gli invitati accettano un insolito invito a trascorrere il Natale in un’isolata casa di montagna completamente circondata da alberi e neve e null’altro, si capisce subito che qualcosa non rispecchia il pieno spirito del Natale.

https://amzn.to/3tJPKh6


Gus è il figlio più grande di quattro fratelli, dalle prime pagine e dai vari flash back inseriti, si apprende subito che fin dai primi anni di vita questo figlio è quello che ha vissuto un notevole disagio affettivo, ed è sempre stato visto dal resto della famiglia con occhio di disprezzo e malevolo. Ci sono delle verità che si scoprono con il trascorrere della lettura, le pagine si inseguono fino al raggiungere di un colpo di scena che lascia il lettore spiazzato.

I personaggi sono studiati e caratterizzati, le loro vite del presente rispecchiano un vissuto dal carattere morale discutibile, tutto nella vita ritorna e se hai condotto una vita all’insegna della cattiveria, inevitabilmente gli anni e il futuro prima o poi ti presentano il conto.

Si raccoglie ciò che si semina e la famiglia di questo romanzo noir si scontra con il dolore che ha provocato, con la cattiveria e le scelte sbagliate che due genitori hanno portato avanti fin da quando erano due giovani ragazzi che hanno deciso di sposarsi nonostante oggettive incongruenze di vita.


Quella che doveva essere una riunione gioiosa di famiglia si trasforma in qualcosa di sinistro e avverso, il Natale diventa una scusa per riportare in vita un passato sepolto con una scia di morte e vendetta degna di una famiglia ambigua e ricca di disprezzo e cattiveria.
Complimenti ancora una volta alla Moro che seguo ormai da tanti anni e ancora una volta ha colpito il segno con una storia adrenalinica e spietata.
Consigliato.

Alla prossima!

Tiziana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...